E siamo arrivati alla fine della stagione agonistica (spero che quella sportiva vada avanti assistita dal meteo).

Si è concluso il Campionato Sociale Optimist, novità del panorama sportivo del CVE.

Tre giornate di regate, per un totale di 9 prove, che hanno visto crescere man mano la partecipazione. Perchè all'inizio un pò di timore per le parole "regata", "campionato" c'era. Poi chi è venuto ha scoperto che si tratta di un gioco come tanti altri, che si fa in compagnia e per divertirsi, e alla fine si mangia pure pane e nutella...

Male i nostri rappresentanti nella spedizione all'Elba per il Campionato Master di classe Laser. Il campo di regata nel golfo di Marina di Campo ha protetto i conncorrenti dall'onda ma non dalle raffiche di un sostenuto Mistral, che nella prima e seconda giornata ha soffiato dai 15 ai 22 nodi. Così i nostri, che quest'anno non hanno praticamente mai regatato fuori lago, e quindi abituati a brezze ben diverse, si sono trovati a mal partito. La classifica la dice lunga: 49° Alquati e 59° Bertanza!

Una giornata di vento che non ti aspetti visto il cielo chiuso, le bave che girano... E invece al momento giusto eccolo da sud, rafficato e potente. E stavolta i bum-bum sono di Nicola Zonaro in tempo reale e di Alquati in compensato.

Per fortuna arrivano i giovani a rimpinguare le fila dei partecipanti alla 7^ prova del Campionato Sociale 2016. Molti ancora in vacanza ed altrettanti invece già al lavoro: così al via 11 imbarcazioni, 3 delle quali (due laser ed un doppio) gestite da equipaggi di giovanissimi che vogliono cominciare a cimentarsi con i più esperti.

Per la cronaca: percorso a quadrilatero con due laschi molto stretti e con una seconda bolinona che racchiudeva molte insidie.

Ben 9 imbarcazioni alla partenza della terza prova del Campionato sociale optimist, grazie anche all'inserimento di quattro forze nuove provenienti dall'ultimo corso terminato il giorno prima. E che forze! visto che Josè Prandelli ha ceduto la prima piazza per un solo punto all'esperta Alessandra Bertolini. Ma è stata tutta una gara vera in tutte le posizioni del gruppo, una gara sana, non cattiva: tanto che in certi laschi e poppe i contendenti si sono fatti pure delle belle chiacchierate...

Settimana da sogno, come raramente se ne ricordano per questa scuola di vela. Pochi i partecipanti (7 per i doppi e 4 per gli optimist) ma molto determinati. Sotto la guida di Alquati e del duo Mazzoleni hanno rapidamente appreso le nozioni impartite. Alla svelta per forza, perchè con il vento che abbiamo trovato bisognava tenere le antenne ben diritte. Ed era vento sano , perchè per tutta la settimana non abbiamo visto una nuvola! Piena soddisfazione degli istruttori, e pensiamo anche degli allievi.

Dopo la sosta forzata del 31 luglio per il maltempo, la voglia di regata era molta. E così, dopo un rapido giro di consultazioni su WA, via all'organizzazione di una regata per il 7 agosto, ovviamente non valida per il Campionato Sociale.

Percorso a sorpresa del nostro D.S. che in mezzo ad un lungo bastone (CVE-Crone) ha inserito due traversi: l'esperimento, che aveva destato perplessità nel breefing pre-gara, è stato invece molto apprezzato in consuntivo.

Se nella prima giornata era stato il "virus latente" a falcidiare i concorrenti, stavolta sono state le ...vacanze in lidi ameni. Capita così che i primi tre arrivati della prima giornata non si siano presentati, con il risultato di non poter aumentare più di tanto il numero dei partecipanti. 

Belle comunque le regate sotto il sole, anche se con vento medio leggero.

Splende il sole su Anfo quando si va in acqua per le prove delle 5^ giornata del campionato sociale.

Pagine